Cerca
  • Movimento Kethane

La Parola: Porrajmos

Porrajmos, per alcuni rom è una parola indicibile esattamente come indicibile è ciò che rappresenta: una violenza inconcepibile usata contro persone inermi e innocenti, donne, uomini e bambini. Il termine Porrajmos si fonda sulla radice verbale porrav- dal sostativo por (viscere, intestino) a cui si possono attribuire significati diversi, che spaziano tra "divorare", "violentare", "stuprare", "abusare". O baro porrajmos, il grande divoramento, la grande violenza, il grande abuso definisce da tempo, non solo in Italia l’olocausto del popolo rom e sinto e provoca per la sua caratteristica di impurità anche ripulsa e infatti c’è chi usa un altro termine, Samudaripen (sterminio) per indicare il genocidio romanì.

A noi ora, in questa occasione, non interessa aprire il dibattito sul significato e soprattutto sul senso del termine. Riconosciamo il turbamento che esso provoca e rispettiamo la scelta di chi ne usa un altro, ma crediamo che proprio in quel turbamento si ritrova il senso più profondo della scelta di quel termine.



47 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti